USB: SCIOPERO AD OLTRANZA DEI LAVORATORI COOP

Napoli -

L'Unione Sindacale di Base ha proclamato lo sciopero ad oltranza contro la decisione della Coop di abbandonare la Campania e cedere i due punti vendita, a seguito di un'assemblea che ha visto i lavoratori di entrambi i negozi uniti e decisi a lottare per i propri diritti.

I grandi valori, professati pubblicamente da Unicoop Tirreno, sono una mera facciata per coprire la volontÓ aziendale di abbandonare la Regione Campania, cedendo i due punti vendita: quello di Napoli, in via Arenaccia e quello di Santa Maria Capua Vetere.

Il mondo cooperativo ha agito in questi mesi nel pi¨ completo silenzio, senza alcun confronto con dipendenti e sindacati. I lavoratori sono stati considerati come mera merce, scatolette su uno scaffale, venduti, dalla direzione ad una srl: la Multisviluppo". La Coop Ŕ perfettamente consapevole dei contratti peggiorativi a cui saranno sottoposti i dipendenti: uno sfruttamento legalizzato, voluto dall'azienda.

Nella giornata di martedý 30 gennaio, saranno fuori la sede della Regione per chiedere un incontro con De Luca e con l'assessore Palmeri, e una loro presa di posizione che, fino ad ora, ha mantenuto un colpevole silenzio sulla (s)vendita dei lavoratori da parte di Unicoop Tirreno.

Rsa Usb Coop Campania

 

Confederazione Regionale USB Campania