A NAPOLI SI DENUNCIANO I PRESIDI PER ECCESSO DI DEMOCRAZIA

la FLC CGIL avrebbe denunciato alcuni dirigenti scolastici alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti e all’ufficio scolastico regionale

Napoli -

A ridosso dello sciopero della scuola del 17 marzo che sta crescendo sempre più in ogni scuola, veniamo a sapere che dopo le nostre assemblee, in orario di servizio ed altamente partecipate, a Napoli la FLC CGIL avrebbe denunciato alcuni dirigenti scolastici alla Procura della Repubblica, alla Corte dei Conti e all’ufficio scolastico regionale con una richiesta di sanzioni disciplinari. Tale aggressività sarebbe indirizzata a quei dirigenti scolastici che non hanno negato il diritto di partecipazione e di assemblea ai lavoratori che ne hanno fatto richiesta per essere adeguatamente informati sulle leggi-delega, sul contratto di mobilità e sullo sciopero della scuola durante le assemblee indette da USB Scuola. Ci chiediamo comunque: perché un sindacato come la FLC CGIL ha così tanta paura delle informazioni che diamo ai lavoratori in assemblea? Che cosa i lavoratori non potevano o dovevano sapere secondo questo sindacato? Forse i dettagli dell'ennesimo indecente contratto sulla mobilità firmato dalla Flc? Forse i contenuti delle otto deleghe varate dal governo con l'avallo della Flc? Non conosciamo i capi d’accusa rivolti a questi dirigenti scolastici, ma ci appare evidente che la FLC CGIL di Napoli non agisce come un sindacato a tutela dei diritti e della libertà dei lavoratori, ma a proprio esclusivo tornaconto, non esitando a mostrare il suo vero volto di proterva arroganza anche contro i dirigenti scolastici colpevoli di essere democratici e di riconoscere il diritto di scelta dei lavoratori. Ancora una volta siamo costretti a denunciare questo vile attacco alla libertà dei lavoratori, in quanto le 10 ore di assemblea in orario di servizio non possono essere gestite da nessuna organizzazione sindacale, ma sono un diritto dei singoli lavoratori che devono essere lasciati liberi di scegliere da chi e dove essere informati. Questi episodi ci confermano che il lavoro di USB Scuola è oggi ancora più necessario a Napoli e nel resto dell’Italia. Per questo motivo continueremo a informare, a diffondere, a lottare per una scuola statale, laica e democratica, per il diritto allo studio dei nostri studenti e per i diritti, la tutela e la libertà dei lavoratori della scuola.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati