Contro la criminalizzazione della lotta sociale. USB esprime la propria solidarietà umana e politica al Movimento 7 Novembre e al Cantiere 167

Napoli -

In questi giorni numerosi disoccupati del “Movimento 7 Novembre” e del “Cantiere 167” di Napoli stanno ricevendo denunce penali, sanzioni amministrative ed altri provvedimenti di carattere repressivo.

Colpisce l’insolito tempismo di Questura e Procura della Repubblica nel perseguire i protagonisti di una stagione di mobilitazione e di lotta che - negli ultimi anni - ha interessato la città partenopea rendendo protagonisti attivi del loro possibile riscatto sociale centinaia di disoccupate e disoccupati.

Altro dato particolarmente odioso di tali provvedimenti repressivi è la sintonia temporale ogni volta che le varie Istituzioni si rendono evasive o si rimangiano gli impegni formali assunti nel corso della Vertenza in merito all’avvio dei progetti lavorativi e/o di formazione.

La federazione regionale della Campania dell’Unione Sindacale di Base esprime la propria solidarietà umana e politica al “Movimento 7 Novembre”, al “Cantiere 167” e si rende disponibile per – eventuali – iniziative in difesa dei disoccupati colpiti e della urgente necessità di garantire piena libertà di lotta e di organizzazione per i movimenti sociali nella nostra città.

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati