GIÙ LE MANI DAI LAVORATORI DELLA COOPERATIVA 25 GIUGNO

RISPETTO, SICUREZZA E DIGNITÀ PER CHI SVOLGE UN LAVORO SOCIALMENTE UTILE

Napoli -

Domenica 2 luglio, due soci della Cooperativa 25 Giugno – impegnati nel quotidiano lavoro di informazione e cura del Centro Storico su mandato dell’Amministrazione Comunale di Napoli – sono stati pesantemente aggrediti nel corso dello svolgimento delle proprie mansioni.

I due soci/lavoratori stavano dialogando con alcuni turisti che chiedevano informazioni e sono stati aggrediti da un personaggio, già noto per le sue abituali intemperanze, che senza alcuna motivazione logica si é scagliato, spalleggiato da altre persone, contro i due lavoratori provocandone il ferimento.

Non risulta – quindi – veritiera la versione del quotidiano “il Mattino” la quale parla di generica rissa per futili motivi mentre – come è palesemente evidente a quanti hanno assistito all’increscioso episodio – che si è trattata di una aggressione di tipo delinquenziale.

L’USB (Unione Sindacale di Base) esprime la sua solidarietà umana e politica ai due soci/lavoratori della Cooperativa 25 Giugno e si riserva di difendere in ogni sede (legale, amministrativa e penale) i due lavoratori aggrediti.

L’USB (Unione Sindacale di Base) invita l’Amministrazione Comunale a mettere in atto tutte le iniziative utili per valorizzare il lavoro e le attività della Cooperativa 25 Giugno in un contesto di sicurezza e di rispetto della sacrosante dignità dei lavoratori.

 

Napoli, 3/7/2017

 

Federazione Regionale della Campania

dell’Unione Sindacale di Base

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati