OSPEDALE SAN PAOLO, EMERGENZA NEGATA!

Chirurgo del S. Paolo, colpito da infarto in servizio, viene trasportato presso la vicina clinica privata “mediterranea” per i primi soccorsi

Napoli -

Un  chirurgo del S. Paolo, colpito da infarto in  servizio, è stato  trasportato presso la vicina clinica privata “mediterranea” per i primi soccorsi

 

Essendo L’ospedale S. Paolo, (DEA di 2° livello, ospedale di massima emergenza della zona Napoli ovest)  sprovvisto dell’ UTIC, nonostante sia stato previsto dal piano ospedaliero e dall’atto aziendale approvato dalla Regione Campania.

 

Non è l’unico stravolgimento dei piani programmatici e di ristrutturazione che l’ASL NA 1 ha subito per motivi estranei e contrari agli interessi dei cittadini e degli operatori per favorire clientele e affiliati a partiti e sindacati giusti.

 

Oggi l’ospedale S. Paolo è una struttura che funziona male, non sfrutta tutte le potenzialità, metà ospedale è completamente abbandonato, reparti ristrutturati da anni come l’ex M.U. sono chiusi, la maggior parte dei servizi, C.O., ambulatori, laboratorio analisi e radiologia, funzionano fino alle ore 14.00 mentre gli utenti sono costretti ad aspettare mesi per un intervento, o costretti a farlo in intramoenia (a pagamento) o rivolgersi ad altre strutture.

 

Allo stato attuale, L’ospedale pubblico non è in grado di garantire un assistenza nemmeno ai propri operatori che sono costretti a rivolgersi presso una struttura privata.

 

Questa è un esempio significativo di quello che sta diventando la sanità pubblica in Campania, diventato terreno di scontro e di speculazioni da parte di partiti e sindacati, di cui devono tenere conto i cittadini e gli operatori.

 

 

Napoli, 13/10/2009

 

 

 

R.d.B./CUB

 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati