OSS, INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

IL PARLAMENTARE FRANCESCO CARUSO DEL PRC HA CHIESTO SPIEGAZIONI AI MINISTRI COMPETENTI

Napoli -

Al Ministro della salute
Al Ministro della solidarietà sociale
Per sapere - premesso che:

- in data 22/2/2001 fu approvato l'"accordo tra il ministro della sanità,
il ministro per la solidarietà sociale, le Regioni e Province autonome di
Trento e Bolzano, per l'individuazione della figura e del relativo profilo
professionale dell'operatore socio-sanitario e per la definizione
dell'ordinamento didattico dei corsi di formazione",  pubblicato sulla
gazzetta ufficiale n°91-serie generale- del 19/04­/2001;
- il predetto accordo prevedeva tempi, modalità, procedure e criteri di
ammissione prevedendo però tale particolare formazione prima per coloro che
erano già dipendenti delle strutture pubbliche - OTA e/o ausiliari socio
sanitari - e solo successivamente ai cittadini non dipendenti;
- l'organizzazione sindacale RdB/CUB della Regione Campania, attraverso la
mobilitazione di centinaia di soggetti interessati ad acquisire una
qualifica che poteva facilitare loro un ingresso nel mondo del lavoro, già
nel 2005, rivendicava presso l'assessorato regionale della sanita l'avvio
della seconda fase dell'Accordo del 22/02/2001 per l'attivazione di
appositi corsi di formazione gratuiti per i soggetti meno abbienti;
- nel 2006 la Regione Campania non ha dato corso alla formazione gratuita
per il profilo professionale di "operatore socio sanitario" ma
contemporaneamente e inopinatamente rilasciò apposita autorizzazione alle
scuole private che ne avevano fatto richiesta;
- le scuole private autorizzate sono state circa 200 in tutta la Regione ed
hanno- verosimilmente- formato circa 20.000 "operatori socio sanitari";
- il costo, per ogni persona che si è rivolta alle scuole private, si è
aggirato dai 1800 euro ai 3000 euro;
- nel frattempo l'organizzazione sindacale RdB/CUB ha continuato a
rivendicare presso l'assessorato regionale alla sanità, con diversi sit-in
di protesta, il diritto per i disoccupati, che non avevano le possibilità
economiche di pagarsi la scuola privata di, ottenere i corsi di OSS
pubblici e gratuiti;
- il consiglio regionale della Campania ha approvato la legge regionale n°
21 del 14 ottobre 2006, pubblicata sul bollettino ufficiale della regione
n°49 del 30/10/2006 avente ad oggetto "Programma di formazione
professionale per Operatore Socio Sanitario per soggetti non dipendenti da
strutture sanitarie";
- con decreto dirigenziale n°49 del 11/12/2006, pubblicato sul B.U.R.C. n°
59 del 20/12/2006, è stato approvato il bando di ammissione al "Programma
di formazione professionale per Operatore Socio Sanitario per soggetti non
dipendenti da strutture sanitarie";
- da variegati e traversali ambienti politici e sindacali sono piovute
scomuniche verso l'operato della regione e dell'assessore regionale alla
sanità fino ad ottenere, attraverso un inspiegabile atto burocratico, la
soppressione del bando pubblico;
- infatti subito dopo il varo del bando pubblico, mentre ancora un gran
numero di disoccupati di tutta la regione espletava le modalità di
partecipazione al bando, l'assessorato regionale alla sanità con il decreto
n°1 del 12/01/2007 annullava il decreto dirigenziale n°49 del 11/12/2006 e
successivamente con altro decreto dirigenziale lo stesso assessorato
annullava anche il bando di ammissione per OSS invocando un banale vizio di
procedura;
- da una prima verifica dei dati in possesso delle singole aziende
sanitarie capofila che hanno raccolto le domande si evince che il numero
dei partecipanti supera le ventimila unità;
- la decisione di annullare il bando appare sconcertante e contraddittoria
oltre che gravissima per la ricaduta sociale negativa in una regione gia
martoriata da atavici problemi di occupazione per centinaia di migliaia di
giovani disoccupati;
- la legge regionale per i corsi gratuiti per OSS doveva formare il primo
contingente entro l'anno 2007;
- dagli uffici competenti dell'assessorato regionale alla sanità non si ha
notizia di come e quando sarà varato il nuovo bando per il corso di
formazione gratuita per OSS;
- l'annullamento del bando farà probabilmente saltare il primo anno di
formazione;
- le scuole private hanno gia presentato domanda per ottenere
l'autorizzazione per i corsi di formazione a pagamento per OSS anche per il
2007;

1. Se non si ritenga necessario, per quanto di competenza e stante
l'accordo siglato il 22/01/2001, convocare un tavolo di confronto con la
giunta regionale campana, con particolare riferimento all'assessorato alla
sanità, al fine di:
a) verificare la possibilità di revocare l'annullamento del bando
prevedendo la correzione del difetto procedurale;
b) sollecitare, in ogni caso, l'emanazione urgente di un apposito bando di
formazione gratuita per OSS, ampliando i posti a disposizione in misura
proporzionale alla domanda espressa che contenga una norma di salvaguardia
per coloro che, partecipando al primo bando, avrebbero avuto legittimamente
diritto a partecipare al corso di formazione in base ai criteri previsti;
c) verificare l'opportunità di "stoppare" da parte della Regione Campania
le autorizzazioni per i corsi di formazione a pagamento per OSS, almeno
sino a quando non sarà data la possibilità a tutti di potere partecipare al
corso di formazione gratuita, per non creare situazioni di discriminazioni
e non favorire operazioni di speculazione economica nei confronti dei tanti
disoccupati che sperano di trovare un lavoro stabile e qualificato;

Francesco Caruso

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati