PER RILANCIARE LE RAGIONI DELLE MANIFESTAZIONI DEL 21 E DEL 22 OTTOBRE

LA GRANDE ADESIONE ALLO SCIOPERO, IN TUTTI I SETTORI, HA DIMOSTRATO CHE I LAVORATORI SONO STANCHI DI SUBIRE E DI ESSERE PRESI IN GIRO, CHE LA LOTTA TORNA AD ESSERE STRUMENTO DI CONTRATTAZIONE

Napoli -

Erano decine i pullman di lavoratori partiti da Napoli e da tutte le province della Campania per partecipare alla manifestazione nazionale a Roma

I lavoratori, con i fatti, hanno dimostrano che la lotta per i propri interessi è ormai l’unica scelta che resta per fermare la povertà economica e sociale che da anni dilaga tra fasce sempre più ampie della popolazione. Lo dobbiamo a noi e alle nostre famiglie per lasciare un futuro di dignità e benessere ai figli che verranno. Alla lotta per l’emancipazione dalla schiavitù dettata dalla povertà, non ci sono alternative: siamo stanchi di subire in silenzio. E’ definitivamente tramontato il tempo della rassegnazione e della speranza che le cose prima o poi cambino. Così come è finito il tempo della politica di riduzione del danno. Siamo noi, lavoratori e lavoratrici, a dover essere i protagonisti di un cambiamento forte e radicale: con lo sciopero di ieri e la grande manifestazione di oggi a Roma ci rimettiamo in cammino per fermare le cattive riforme e riconquistare i diritti persi.

Ricordiamo che

Il 21 ottobre lo SCIOPERO GENERALE è stato promosso per la difesa dei diritti del lavoro e dello stato sociale, per difendere ed applicare la Costituzione del 1948, per dire basta al governo Renzi e al massacro sociale.

 

Che il 22 ottobre il NO RENZI DAY, manifestazione nazionale a Roma, è stato promosso per dire NO alla Controriforma Costituzionale ed a tutti i suoi autori

 

foto su www.salerno.usb.it

 

video e foto su www.usb.it

 

---------------------------------------------------------------------------------------------

RIPROPONIAMO ILCOMUNICATO STAMPA DELLE MANIFESTAZIONI

 

SCIOPERO GENERALE: USB, I LAVORATORI NON CREDONO

ALLE MANCE DI RENZI

Città bloccate con migliaia in sciopero e in piazza in tutta Italia

 

Centinaia di migliaia di lavoratori in tutto il Paese e in tutti i luoghi di lavoro, dalle fabbriche agli uffici, dai trasporti alle scuole, nei comuni e nei quartieri, stanno dando vita allo sciopero generale proclamato dall’USB a sostegno della propria Piattaforma rivendicativa e di lotta, contro le politiche sul lavoro del Governo Renzi, la truffa di una Legge di Stabilità elettorale e per dare il proprio contributo contro lo stravolgimento della Costituzione.

 

Si registrano chiusure di asili nido, scuole, uffici pubblici e servizi. Massiccia la partecipazione dei lavoratori del trasporto pubblico locale, con una media nazionale del 60% di adesione, destinata a salire nella fascia notturna. Fermi impianti industriali, della logistica e dell’indotto.

A Roma, dove ha scioperato il 90% del personale viaggiante in Roma Tpl, il 70% dei bus ed il 40% dei tram, sono chiuse le metro A, B1 e C, con la B fortemente rallentata. In Campania è completamente fermo il servizio ferroviario delle linee flegree, oltre l'80% in sciopero all’ANM e all’Atc Capri. A Torino si registra una percentuale di adesione in seconda fascia del 67%. Nelle varie aziende del Trentino la media è del 70%, con punte del 100% negli impianti di Egna e Castel San Pietro e chiusura di biglietterie e parcheggi gestiti dalla Sad. A Bologna, gomma 70%, ferroviario 90%. All’ATP di Genova il 30%. A Ferrara il 70%. A Gorizia il 55 % ; Udine il 40 % Pordenone il 35 %. A Belluno Dolomiti Bus 35%, Nord Est Mobility 80%. A Cosenza oltre il 40%.

Buona risposta nel trasporto aereo, in particolare fra il personale navigante di Alitalia e Meridiana, con voli cancellati e ritardati negli aeroporti Roma, Firenze, Pisa, Napoli, Lamezia Teme, Bologna, Genova, Milano e Olbia.

“A Renzi, che tenta di screditare questo sciopero generale, rispondiamo che le migliaia di lavoratrici e lavoratori oggi in sciopero ed in piazza in tutta Italia dimostrano che non si sono fatti ingannare dalle mancette concesse in questa legge di stabilità, che su 27 miliardi ne dà 20 a banche imprese e che regala l’ennesimo condono agli evasori”, attacca Fabrizio Tomaselli, dell’Esecutivo confederale USB.

“Non ne possiamo più di lavorare senza diritti, con salari miseri, in uno stato di assoluta precarietà senza contratti e senza certezze per il futuro. Dicono basta i giovani – prosegue il dirigente USB - che trovano solo lavoretti e voucher; i pensionati, che non ce la fanno più a sopravvivere; i vecchi e nuovi poveri che perdono la casa, o che non riescono a pagarsi le cure minime necessarie; i nuovi schiavi, che si curvano nei campi di pomodori delle nostre campagne per pochi euro il giorno”.

“Le piazze di oggi e di domani rappresentano un passaggio importante, un punto di partenza per riaccendere quel conflitto sociale che solo può produrre un mutamento radicale e positivo delle condizioni di questo paese e delle decine di milioni di persone che ci vivono”, conclude Tomaselli.

Roma, 21 ottobre 2016

 

Ufficio Stampa USB

Rossella Lamina

Cell. 3474212769

Fax 0654070448

web: ufficiostampa.usb.it

e-mail: ufficiostampa@usb.it

 

Unione Sindacale di Base

Via dell'Aeroporto, 129 - 00175 Roma - tel. 06/762821, fax 06/7628233 - web: www.usb.it e-mail: usb@usb.it

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni