PRESIDIO DI LOTTA, FOLTA PARTECIPAZIONE E MOLTI ATTESTATI DI SOLIDARIETÀ HANNO ACCOMPAGNATO L'INIZIATIVA

CHIESTA LA IMMEDIATA REVOCA DEL LICENZIAMENTO DEL LAVORATORE E LA SUA RIASSUNZIONE.

Napoli -

Questa mattina si è svolto a Napoli il presidio di lotta,

contro il licenziamento di un dirigente sindacale della r.d.b./cub, colpevole di aver denunciato alcune anomalie e per aver chiesto chiarimenti su altre, da una società a totale partecipazione della provincia di Napoli. Folta partecipazione e molti attestati di solidarietà hanno accompagnato l’iniziativa che si propone di ottenere la immediata revoca del licenziamento del lavoratore e la sua riassunzione.  

Il presidente del consiglio provinciale Luigi Rispoli ha accolto le richieste e non ha esitato a definire la lettera di licenziamento «un atto nullo». Per statuto, spiega, il licenziamento sarebbe dovuto passare per il cda. Non sarebbe quindi valido l’atto monocratico del presidente Enrico Pietrangeli.

Napoli, 10/08709 

Questo sito usa i cookie

Questo sito utilizza cookie propri e di terze parti per migliorare la tua navigazione, per analisi statistiche sull’utilizzo del sito in forma anonima e per usufruire dei servizi di terzi quali la visualizzazione di video e la condivisione dei contenuti sulle principali piattaforme social. Se vuoi saperne di più clicca sul link “Ulteriori informazioni”. Cliccando su "Abilita Cookie", presti il consenso all'uso dei cookie. I cookie tecnici saranno comunque utilizzati